Anno d’oro per il vino italiano

I risultati del 2021 sono più rosei di ogni immaginazione: oltre 12 miliardi di fatturato, senza contare l’aumento delle esportazioni nel mondo, cresciute del 15%. I dati della Coldiretti, sono stati presentati all’occasione del primo Vinitaly Special Edition svoltosi alla Fiera di Verona dal 17 al 19 ottobre. Le bottiglie Made in Italy – sottolinea la ricerca – sono destinate per circa il 70% a Docg, Doc e Igt con 332 vini a denominazione di origine controllata (Doc), 76 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg), e 118 vini a indicazione geografica tipica (Igt) riconosciuti in Italia e il restante 30% per i vini da tavola. Nove aziende su dieci, hanno deciso di adottare una nuova certificazione per i loro prodotti, entro i prossimi 2 anni. Parliamo di circa 2 miliardi di bottiglie di vino certificate (l’1% in più nel 2020), dal valore di 8 miliardi di euro, a dimostrazione che nonostante l’emergenza sanitaria, il settore ha tenuto i piedi ben saldi a terra, nel periodo più delicato. Sono 229 le denominazioni gestite, 5mila le tipologie di vino tracciate, e 729.601 i movimenti di prodotto registrati. Il settore dunque è vivissimo e anche i controlli si sono dimostrati efficaci, con ben 11mila visite ispettive nelle cantine e nei vitigni (questi ultimi dati sono relativi al 2020).

Iscrizione Newsletter

Iscrivendoti, scopri tutte le nostre novità e i nostri eventi franco-italiani