Il made in Italy regge il colpo e rimbalza

Non è ancora il momento di festeggiare, ma nel drammatico momento che vive l’economia italiana c’è una buona notizia, cioè un +37% nel fatturato dell’export italiano rispetto al mese precedente. Si tratta comunque di ciò che gli analisti chiamano “rimbalzo congiunturale”, dovuto cioè alla mutata (e mutevole) situazione sanitaria globale. In termini assoluti, gli incassi sono stati 14 miliardi di euro, (5 in meno rispetto a maggio 2019). La ripresa delle attività produttive e di commercio prosegue solo gradualmente e tra mille incertezze e difficoltà senza contare che la domanda estera, senza la quale non c’è ottimismo che tenga, resta comunque molto bassa, in Europa e fuori. I risultati migliori (anzi, meno gravi) ce li concedono i mercati svizzeri e russi, rispettivamente -18% e -23%.