Le imprese a conduzione familiare più ottimiste dopo la crisi

Più forti e stabili dopo il terribile 2020. Le imprese familiari (ovvero imprese la cui maggioranza del capitale è detenuta da una famiglia) dopo aver affrontato un drammatico calo della domanda d’acquisto fino al 60%, per il futuro vedono una via d’uscita e un incremento dei loro affari. A dare un quadro preciso è un rapporto sul sentiment delle imprese effettuato da Fabula, Family Business Lab dell’Università Cattaneo di Castellanza. Su 182 imprese analizzate (piccole e medie imprese con fatturati inferiori ai 50 milioni di euro), il 75% di queste non vedono minacce alla loro esistenza, ma addirittura vedono opportunità di miglioramento e innovazione. Il motivo, spiega il rapporto, è « una loro maggiore stabilità in termini di clientela», che permette loro di non ridurre la produttività della loro forza lavoro. Infine, ed è qui che il rapporto Fabula diventa particolarmente ottimistico, compare una nutrita lista di settori in cui è previsto un deciso balzo del fatturato verso l’alto: : +25% per la metalmeccanica, +15% per prodotti agricoli, alimentari e bevande, +17% per tessile, abbigliamento e calzature.

Inscription Newsletter

En vous abonnant, découvrez toute nos actualités et nos évènements franco-italien