Sartoria 3.0, il tessile si reinventa

Se c’è qualcosa per cui il Made in Italy è invidiato nel mondo, è la sartoria. Anch’essa, tuttavia, ha bisogno di rinnovarsi e l’improvvisa accelerazione del commercio digitale ha dato la spinta necessaria. È quanto è successo a Lanieri, un e-commerce di sartoria su misura creata nel 2013 daSimone Maggi e Riccardo Schiavotto. Sarti? Guru dell’abbigliamento? No, due semplici ingegneri che in pochi anni, con la loro startup, hanno raggiunto una quota export pari al 48% del proprio fatturato, consegnando i loro prodotti in oltre 60 Paesi in tutto il mondo. I vestiti si scelgono sulla loro piattaforma online (www.lanieri.com): si inseriscono le misure del corpo, si sceglie il modello e i vestiti vengono così confezionati su misura e spediti. I prezzi, ovviamente non sono per tutti ma il lavoro dei due ingegneri ha ottenuto tale successo da convincerli ad aprire anche dei negozi fisici, a Milano, Roma, Parigi e Bruxelles.