Via i dazi americani, e il Made in Italy può decollare

Una tregua, forse momentanea, ma certo è che la nuova amministrazione americana ha introdotto una moratoria di 4 mesi sui dazi alle importazioni che, sotto la presidenza Trump, avevano scatenato polemiche e preoccupazione in Europa e soprattutto in Italia. I dazi raggiungevano un allarmante 25%, provocando un arresto delle esportazioni dei nostri prodotti negli Usa, ma ora con l’entrata in vigore della moratoria il Parmigiano, l’Asiago, il Provolone e i nostri vini tornano ad affollare gli scaffali statunitensi. L’accordo siglato da Ursula von de Leyen e il presidente Joe Biden è un primo passo verso una vera e propria distensione della guerra commerciale iniziata da Trump negli anni precedenti. I dazi americani hanno colpito duramente le nostre esportazioni, facendo perdere al nostro mercato mezzo miliardo di euro. Gli Stati Uniti rappresentano per l’alimentare italiano, il primo mercato di sbocco fuori dall’Unione Europea, con cifre che si avvicinano ai 5 miliardi e in crescita del 5% (nonostante l’emergenza Covid).

Inscription Newsletter

En vous abonnant, découvrez toute nos actualités et nos évènements franco-italien